Gli Skatepark più folli del Mondo

Skatepark più Folli

Siete stanchi di skaitare nei soliti skatepark, sulle solite strade, in mezzo a tutti quei palazzi che hanno come comun denominatore il grigio cemento? Beh, allora non potete perdervi questo articolo.

In un mondo sempre più omologato, in una società sempre più grigia dove il cemento è il “colore” più diffuso…lo skate è l’unica salvezza. In particolare, quegli skatepark che abbandonano i soliti canoni e il solito color cemento rendendo il park un a folle opera d’arte. Vi proponiamo gli skatepark più fuori di testa che potrete mai vedere e skaitare al mondo. Purtroppo, dovrete fare molti km per trovarli e quasi sicuramente prendere un aereo, ma nel frattempo potete skaitare negli skatepark vicino casa, seppur meno fichi; controlla la Mappa degli Skatepark d’Italia, realizzata da noi di WeAreSkate e trova il park più vicino a te.

The Watermelon Bowl | Australia

Vedere questa bowl ridipinta come fosse un cocomero gigante ti mette innegabilmente di buon umore, e pensi: “cavolo, perché non ci ha pensato nessuno prima? Perché non ce n’è una vicino casa mia”. Secondo noi è incredibilmente cool!

The Skate Tunnel | Inghilterra

Una location fuori dal comune, sembrerebbe lo skatepark di qualche agenzia segreta ma in realtà ci troviamo a Petersfield in Inghilterra. In un tunnel ferroviario abbandonato è stato costruito questo skatepark unico e iconico; fu realizzato da Nike per un evento internazionale di BMX nel 2009, ed in seguito donato dalla stessa Nike alla squadra locale di atleti. Oggi però è proprietà privata e per entrarci l’unico modo è conoscere i ragazzi che lo gestiscono.

Floating Ramp | Stati Uniti

Un mini-skatepark, se così vogliamo chiamarlo, davvero folle e surreale. Talmente impensabile da far credere a molte persone si trattasse solo di un “photoshop”, ma vi assicuriamo che è reale; costruito da Bob Burnquist, skater professionista brasiliano, sulle limpide acque del lago Tahoe. Un posto che lascia senza fiato, un’esperienza più unica che rara; Bob e il team che hanno realizzato questa floating ramp hanno creato, a nostro avviso, un’installazione di arte moderna.

The Schuster-villa | Austria

Quante volte avreste voluto skaitare dentro casa o trasformare una stanza, un piano in uno skatepark? Lo skater professionista austriaco Philipp Schuster lo ha fatto, ha trasformato la sua casa a Salisburgo, dove realmente vive, in una skate-villa con wallride ovunque, transfer sul camino etc. Pazzo o visionario lasciamo a voi la decisione, in ogni caso un posto incredibile.

Octopus Skatepark | Svizzera

Uno sfondo molto particolare e suggestivo nel quale skaitare, è il caso di questa bowl vicino Lugano. Alcuni skaters del posto sostengono che il polpo che viveva sul fondo di questa pool se ne sia andato perché non gradiva il sapore degli skateboard, altri che si sia stufato del sole caldo.

Pirate Ship Bowl | Francia

Qualche pirata appassionato di skate deve aver costruito, a Hossegor, questa strana e stravagnte bowl a forma di vascello con tanto di albero maestro. Inizialmente, era nato come un progetto di arredamento per un giardino in occasione di un evento nel 2010, successivamente è diventato quasi un luogo di culto per gli skaters locali; come dargli torto.

Skatepark di Marsiglia | Francia

Questo oltre ad essere uno degli skatepark più iconici al mondo è anche uno dei più belli. Un park bowl enorme tra i più apprezzati in Europa grazie alle sue infinite possibilità di linee diverse. È persino apparso nei videogames della saga Tony Hawk’s Skateboarding.

PAS House | Stati Uniti

Pierre Andre Senizergues, ex skater professionista e fondatore di Sole Technology, azienda di calzature che si trova dietro a marchi come Emerica e Etnies; ama talmente tanto lo skateboarding da aver commissionato questa casa interamente skaitabile, pensata sia per vivere che per skaitare. Da non crederci, ogni parte della casa, davvero ogni parte, compresi; lavello, forno, mobili, sono skaitabili; le stesse pareti della casa sono fondamentalmente degli half-pipe. Ora sapere come dovreste restaurare la vostra camera o salone.

Pinball Park | Nuova Zelanda

Abbiamo lasciato questo skatepark per ultimo, perché è davvero, davvero folle. Ahimè ad oggi chiuso definitivamente. SI trattava di uno skatepark che costà ben 500 mila dollari, uno vero e proprio pinball o flipper che dir si voglia, costruito per lo skateboard; un’idea visionaria, che ci chiediamo coma abbia fatto a non espandersi e creare una specialità di skate a sé. Il park era rivestito da oltre 50 sensori che quando azionati, passandoci sopra con lo skate, attivavano diverse luci, suoni, e azioni. Da restare sbalorditi, beati coloro che sono riuscito a provarlo prima della sua chiusura.


Vi sembrano abbastanza folli come skatepark? Diteci il vostro preferito o se ne conoscete altri ancora più particolari, lasciate un commento qui sotto o scriveteci sui nostri canali social.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*