Storia dello skateboard: i momenti principali della crescita

History of Skateboarding

Dagli anni ’50 ai giorni nostri, la storia dello skateboard è sempre stata in crescita ed evoluzione. Lo skateboard è diventato un’industria multimiliardaria che ha un impatto decisivo su milioni di vite in tutto il mondo come forma d’arte e sport. Nella sua storia, lo skateboard ha inaugurato i propri musei, ha premiato la propria hall of fame e ha curato una storia auto documentata cementando un posto speciale nel cuore della cultura della libertà.

La rampa di lancio della California degli anni ’50 ha acceso la torcia dello skateboard da consegnare a ogni nuova generazione nelle prossime epoche. In questi decenni, lo skateboard ha superato gli alti e bassi della prosperità economica e della popolarità mainstream, poiché volti e figure diverse hanno brillato sotto i riflettori o hanno dominato i vicoli della performance urbana.

Tra i giovani del mondo e quegli skateboarder anziani che l’hanno visto crescere e cambiare, la domanda “Cos’è lo skateboarding?” ha subito una metamorfosi ad ogni passaggio del testimone. Mentre facciamo del nostro meglio per rispondere di nuovo a questa domanda qui, diamo la nostra prima spinta in un mondo più ampio. Un mondo definito dalla massima espressione di libertà, movimento e uno sguardo intimo sulla storia dello skateboard.

La storia dello skateboarding

L’origine dello skateboard è ambigua come l’origine del nostro Universo. Ci sono diversi resoconti di autoproclamati storici dello skate su chi, cosa e dove sono comparsi i primi skateboard. È ampiamente concordato sul fatto che gli skateboard siano nati negli Stati Uniti, prima come casse di legno con pattini a rotelle attaccati sotto i piedi. I primi modelli avevano il manubrio attaccato, come gli scooter moderni, ma alla fine le scatole furono sostituite da assi di legno e il manubrio rottamato per un’esperienza più simile al surf. Queste scatole per scooter sono state viste fin dalla fine del 1800, ma non è stato fino agli anni ’50 quando i pallet di legno con ruote di argilla furono resi popolari sui pendii in discesa della California meridionale.

Prima che gli skateboard commerciali iniziassero ad apparire nel 1959, l’unico modo per pattinare era creare la propria tavola. Questi skateboard fatti in casa seminerebbero la mentalità fai-da-te radicata nello skateboard di oggi. In un modo crudo e bello, lo skateboard è iniziato non da un’industria ma dall’intenso desiderio di esprimersi. Per comprendere questa verità semplice ma profonda è il nostro primo sguardo a “cos’è lo skateboard” e, in definitiva, a cosa significa essere uno skateboarder.

I primi Slam dello skateboard Ska

È difficile immaginarsi nelle ere degli anni ’50 o ’70 di DogTown, il luogo di nascita dello skateboard. Sarebbe ancora più difficile immaginare quanto sarebbe cambiato lo skateboard dal suo concepimento. I primi skateboard commerciali fecero la loro comparsa sugli scaffali dei negozi nel 1959 e quando Larry Stevenson, editore di “Surf Guide” iniziò a promuovere lo skateboard nella sua rivista le cose iniziarono a decollare. Makaha, la compagnia di Larry progettò il primo skateboard professionale nel 1963 e preparò una squadra per promuoverlo. E’così, che presero vita le prime squadre di skaters. Furono organizzate le prime gare, si crearono i presupposti per una visibilità di massa e fecero la loro apparizione anche i primi finanziatori.

Tuttavia, la popolarità dello skateboard alla fine è crollata nel 1965. Le persone erano più propense ad andare a una gara di roller derby che a una competizione di skateboard. Lo skateboarding nei media , tra libri, film e serie tv, ha iniziato a pubblicizzare il pattinaggio come un’attività pericolosa, mentre le ruote di argilla e le verticali sono diventate noiose come guardare un hula-hooper per ore e ore. Capire come lo skateboard sia quasi morto significa capire in definitiva perché le sue prime forme non si vedono più. Ma, cosa ancora più importante, confrontando dove si trova oggi lo skateboarding rispetto a questi tempi, vediamo una delle più grandi trasformazioni di uno sport e di un’arte performativa nel 20° al 21° secolo.

Reinventare la ruota (da skateboard)

Non in senso figurato, ma letteralmente. La ruota da skateboard è stata reinventata da Frank Nasworthy, che ha introdotto la ruota in uretano nello skateboarding nel 1973. La nuova ruota, sostituendo le goffe ruote in argilla degli anni ’50 e ’60, aderisce all’asfalto e alle pareti della piscina come tacchetti sull’erba. Molto presto anche produttori di truck come Indipendent, Bennet e Tracker iniziarono a migliorare i propri prodotti. Fecero la loro apparizione anche le prime grafiche sul deck delle tavole. Non si trattava più di un semplice sport, ma di un vero e proprio business. Non molto più tardi nacquero anche i primi skatepark. La pubblicità tramite le riviste specializzate e i numerosi contest organizzati portò lo skatebord a una visibiltà internazionale. Infatti appena tre anni dopo la nuova ruota da skateboard, il primo skatepark è spuntato in Florida nel 1976. Prima della fine del decennio, gli skatepark hanno cominciato ad apparire in tutto il Nord e Sud America, e subito dopo nei paesi dell’Europa e dell’Asia. L’ascesa alla cultura mainstream degli anni ’70 dello skateboard è stata resa popolare dal film del 2005, “Lords of DogTown”. Nel 1975, come si vede nel film, la squadra di skateboard Zephyr guidata da Tony Alva, ha mostrato il potenziale dello skateboarding mondiale all’Ocean Festival a Del Mar, in California. Questo momento nella storia dello skateboard rappresenta una pietra miliare della sua storia e di come le competizioni di skateboard sarebbero cambiate nei prossimi decenni.

Tuttavia, lo skateboard alla fine avrebbe subito un altro incidente quasi fatale all’avvicinarsi degli anni ’80. Quando le società dubbie provenienti dall’esterno dello skateboard iniziarono a infiltrarsi nelle competizioni di skateboard con contratti di cavalli di Troia e un’eccessiva saturazione delle gare, la popolarità dello skateboard svanì a un gruppo ermetico di cercatori di libertà che prevalse nelle piscine vuote del cortile d’America. Gli skatepark non venivano più costruiti poiché i costi assicurativi alle stelle si agganciavano all’aspetto soggetto a lesioni del pattinaggio. E così, non più accettato dai genitori o dalle società della SoCal in cerca della prossima grande moda, lo skate è diventato il biglietto da visita della cultura anti-establishment e della crescente scena punk degli anni ’80. Last but not least, la ricaduta dello skate fu dovuta anche alla comparsa di altri sport come la BMX, il windsurf e il rollerblade che di fatto oscurarono inevitabilmente un mondo già “ferito”.

Tony Hawk, xGames, Skateboarding

Da 0 a 900: la storia dello skateboard

Quello che Zephyr Skateboards ha fatto quell’anno a Del Mar per il mondo dello skateboard non si sarebbe più visto fino a quando Tony Hawk non ha ottenuto i suoi 900 negli X-Games del 1999. Il 27 giugno 1999, Tony Hawk si è presentato alla rampa vert di Summer X-Games per l’undicesima volta per ottenere il trick più riconoscibile nella storia dello skateboard. All’epoca, nessuno skateboarder poteva immaginare quanto le due rotazioni e mezzo di Tony Hawk avrebbero catapultato il pattinaggio in una nuova orbita di popolarità. Ma quando Tony Hawk ha portato ufficialmente di nuovo lo skateboard professionale sotto i riflettori mainstream, lo skateboard aveva già subito un’immensa trasformazione negli anni ’80 e nei primi anni ’90. La maggior parte degli skateboarder e dei non skater allo stesso modo attesterà l’importanza del 900 Hawk di Tony Hawk. Ma la maggior parte dei non skater non ha idea di quanto siano stati davvero importanti gli anni ’80 e ’90 per lo skateboard. A quel tempo, lo skateboard da strada era creato dagli emarginati della società. I progetti per lo street skating professionale sono stati elaborati e tutto ciò che sappiamo sui media dello skateboarding ha rivendicato le loro nicchie nel mondo dello skate.

Con l’aiuto di un nuovo skateboard progettato per le manovre aeree, Rodney Mullen aveva inventato diversi flip trick negli anni ’80, dopo che Curt Lindgren aveva inventato il kickflip nel 1978. I primi skateboarder di strada Natas Kaupas e Mark ‘the Gonz’ Gonzales alzarono l’asticella ancora una volta facendo scivolare i primi corrimani. Lo skateboard si è evoluto dai cortili dei costruttori di rampe nei parcheggi dei negozi di alimentari pieni di cordoli rossi. Con i media mainstream che hanno chiuso un occhio sullo skateboard, agli skateboarder è stata data la possibilità di documentare la propria cultura attraverso il proprio obiettivo. Ciò ha permesso agli skateboarder di esercitare il potere di produrre la propria cultura dei media, combattendo i motivi esatti per cui lo skateboard aveva subito due importanti incidenti di popolarità alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’80. Con gli skateboarder in pieno controllo dei fattori di produzione della cultura skate, l’era d’oro dello street skateboard è sbocciata negli anni 1993-2006. Abbiamo visto in questi anni l’ascesa di Shorty’s e Chad Muska, video come “Mouse” e “Yeah Right!” da Girl Skateboards, importanti skate-team internazionali come FLIP Skateboards, la celebre era LOVE Park e il franchise di videogiochi THPS, poiché gli skatepark sono diventati sinonimo di pianificazione di parchi pubblici.

Lo skate nella pratica: cosa serve per iniziare?

Iniziare a praticare lo skateboarding è semplicemente alla portata di tutti. L’importante è essere munito di:

  • uno skate, ovvero una tavola di legno lavorata a strati in modo tale da renderla rigida e allo stesso tempo flessibile.
    La tavola deve essere munita di ruote montate su cuscinetti di precisione e di attacchi snodati che permettono di sterzare;
  • delle protezioni tra cui casco, gomitiere e ginocchiere;
  • una strada asfaltata o uno skate park

Esistono diverse specialità tra cui le più importanti sono:

  • street-skating
  • il vertical-skating
  • lo slalom
  • il longjump
  • il freestyle

A seconda del livello di pratica, lo skateboarding diventa uno sport acrobatico da poter praticare in strada (anche se in molti luoghi è vietato) o dove presenti, negli skate park, ovvero luoghi muniti di rampe, corrimani e altri tipi di strutture necessarie per effettuare salti e trick (manovre).

E per quanto riguarda l’outfit?

Abbiamo già detto quanto la pratica dello skateboard sia stata e lo è ancora oggi uno stile di vita. A partire dalla fine degli anni ottanta, lo stile skater è definito anche come un tipo d’abbigliamento che prescinde dalla pratica dello sport e che ha subito l’andamento della moda. In origine gli indumenti da skate erano stretti e costituiti da:

  • pantaloni attillati portati a vita alta con una cintura;
  • maglie di flanella;
  • felpe col cappuccio;
  • scarpe del tipo “slip on” o “hi top”

Tra le marche più famose troviamo Vans, Etnies e Converse All-Stars. Inoltre dagli anni novanta e prima metà dei duemila, la scarpa da ginnastica diventa colorata, larga e molto alta con tomaia rinforzata nei punti di maggior sfregamento con il grip (il lato superiore della tavola che permette l’aderenza con la suola della scarpa).
Le magliette e i pantaloni stretti vengono sostituiti da grandi taglie, portati a cavallo basso.

L’ollie, il trick sentito in tutto il mondo

Dunque, concludendo il nostro viaggio temporale nella storia dello skateboard, con l’evoluzione dello skate nell’era post-Tony Hawk, l’interazione dello skateboard con la società è cambiata. Lo skateboard ha approfondito le sue radici nello skateboarding di strada, poiché la definizione di essere uno skateboarder professionista è passata dal pattinaggio da competizione alle parti video mentre la cultura dello skate mainstream si è vista in nuove forme di intrattenimento. Il franchise di videogiochi Tony Hawk Pro Skater ha assicurato che Tony Hawk e ” l’ollie ” fossero un nome familiare. Bam Margera avrebbe continuato a parodiare una carriera di skateboarder professionista con un reality show televisivo, “Viva-La-Bam”. Quando le aziende sono entrate nell’ovile, lo skateboard ha guadagnato più riconoscimento e l’élite dello skate ha iniziato a guadagnare stipendi palpabili.

Oggi, Street League e X-Games attirano le folle più grandi degli ultimi anni. Con più occhi arriva più controllo, poiché oggi un disgusto giovanile e l’adolescenza sono ancora associati allo skateboard nelle forme dominanti dei media. Detto questo, anche i rami dello skateboard sono cresciuti enormemente per far tornare la bilancia nelle mani degli skateboarder. Negli ultimi cinque-dieci anni, le donne skateboarder sono la più grande crescita demografica dello sport, con lo skateboard ora il più grande sport femminile in Afghanistan. Gli skatepark si trovano ora in tutti i principali continenti del mondo con innumerevoli clip filmate e pubblicate sui social media ogni giorno. Lo skateboard continua a essere una delle espressioni di libertà più inclusive e accessibili al mondo.

Lo storia dello skateboard rimane in un costante stato di evoluzione. Con ogni skateboarder non solo definendo la propria relazione con il proprio skateboard, ma cosa significa per loro lo skateboard. Con ogni contributo al pattinaggio continua ad essere plasmato da chi ne ha più bisogno. A volte questo significa combattere le forze esterne, a volte significa invitarle a entrare. In ogni caso, la storia dello skateboard è ancora da scrivere e alla fine, grazie agli skateboarder che sono venuti prima di noi, lo skate sarà per sempre definito da coloro che amano veramente lo skateboard, e nessun altro.

Skate or die!

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Vans World in Roblox: la famosa piattaforma di gioco apre un parco giochi per skater nel metaverso per i fan delle scarpe - WeAreSkate
  2. Skateboarding is not a crime: le origini della frase storica - WeAreSkate

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*