The Screaming Hand, storia dell’icona della cultura degli skateborder

The Screaming Hand di Jim Phillips e Santa Cruz

Jim Phillips, disegnatore di The Screaming Hand, è uno dei più importanti designer di grafiche della storia dello skateboard. Il percorso di Jim Phillips, personaggio e professionista padre dell’icona della cultura skate, nasce nella cittadina di San José in California nel 1944, dopo esser cresciuto all’interno delle basi militari dove il padre lavorava. In età giovane scopre la passione per il disegno e da li inizia un percorso che sarà fatto di disegno e creatività.

Santa Cruz artist and illustrator Jim Phillips listens for the sound of one hand screaming in his studio. Phillips created the screaming hand 30 years ago and The Santa Cruz Museum of Art & History celebrates the 30th anniversary Friday with a show of art by Phillips and 200 international artists influenced by this icon of youth skate culture.  (Dan Coyro -- Santa Cruz Sentinel)
Santa Cruz artist and illustrator Jim Phillips listens for the sound of one hand screaming in his studio. Phillips created the screaming hand 30 years ago and The Santa Cruz Museum of Art & History celebrates the 30th anniversary Friday with a show of art by Phillips and 200 international artists influenced by this icon of youth skate culture. (Dan Coyro — Santa Cruz Sentinel)

Jim Phillips, percorso professionale e la svolta

La prima pubblicazione di Jim Phillips arriva dal Surfer Quarterly, dopo aver vinto un contest per il progetto di una Woodie (una macchina con inserti in legno) progettata per trasportare tavole da surf. I primi lavori da freelance e da professionista nel primo periodo di lavoro furono la realizzazione di grafiche per surfboards. Successivamente al percorso da professionista, e grazie ai risultati ottenuti con alcuni progetti, venne assunto dalla NHS Inc. società produttrice di skateboard e di marchi come Santa Cruz e Indipendent.

Nel 1985, dopo esser entrato in NHX, disegnò per la prima volta “the screaming hand” (la mano urlante), che divenne in poco tempo il logo della Santa Cruz Skateboard. Nella carriera Jim Phillips non ha creato solo le grafiche iconiche per tavole da surf e skateboard, ma si è anche dedicato alla realizzazione di materiale visuale per eventi ed iniziative per il mondo del rock, per band come i Doors e Jimy Hendrix.

The Santa Cruz Beach Life

La cultura della beach life di Santa Cruz, luogo dove Jim Phillips è cresciuto e vissuto, e l’influenza e l’ispirazione del vivere a ridosso dell’oceano, è permeata direttamente nel percorso professionale, nello stile e nell’approccio del disegnatore di San Josè.

La famosa spiaggia di Santa Cruz, ritrovo per surfisti e per lo stesso Phillips, è stata oltre al luogo in cui praticare surf in giovane età (e anche dopo), anche un punto di vista e di ispirazione che gli ha permesso di osservare le dinamiche della spiaggia, le modalità di comunicazione e le abitudini dei surfer. Ispirazione che ha portato poi negli anni a pensar e progettare design efficaci e di impatto.

Spinto e supportato dalla moglie Dolly, Jim ha sempre fatto l’unica cosa che lo rendesse felice: disegnare e creare immagini che comunicassero valori ed emozioni.

La storia e la creatività di Kim Phillips è stata raccontata nel suo libro autobiografico Surf, Skate and Rock Art, acquistabile online e consigliato come lettura.

The Screaming Hand & Marvel
The Screaming Hand in versione Marvel Avengers

The Screaming Hand

Ad oltre trent’anni dalla creazione, “the screaming hand” è una delle grafiche più iconiche, irriverenti e riconosciute al mondo, ed è entrata nella narrativa e nella storia di tanti altri contesti, come cinema, libri, stickers e abbigliamento. L’arte, mixata alla cultura Rock, di Jim Phillips è ancora molta attuale e ispira la nuova generazione di graphic designer e anche di skater.

Le grafiche di Jim Phillips hanno accompagnato le giornate di generazioni di skaters, sono state stampate e attaccate su tavole e maglie di tutto il mondo e di certo lo faranno per molti altri anni ancora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*