Thrasher: la storia della rivista di skateboard più famosa e preferita dagli skater al mondo

Thrasher Magazine

Thrasher è più di una semplice rivista di skateboard. È una pubblicazione iconica che racconta l’evoluzione della cultura dello skateboarding attraverso la prospettiva di uno skater.

Thrasher Skateboard Magazine | Prima copertina Gennaio 1981
Thrasher Skateboard Magazine | Prima copertina Gennaio 1981

Thrasher è stata fondata da Eric Swenson e Fausto Vitello nel 1981 a San Francisco, California. Eric Leon Swenson è nato il 4 agosto 1946 a San Francisco, ed era un fan della musica punk e dell’hard rock e amava suonare la chitarra e riparare le moto.

Il suo futuro socio in affari, Fausto Vitello, nasce tre giorni dopo, il 7 agosto 1946, a Buenos Aires, in Argentina. La famiglia di Vitello si trasferì in California durante la Rivoluzione Liberatrice (Revolución Libertadora) che stava avvenendo nel loro paese d’origine.

I due si incontrarono negli anni ’60 nell’esercito degli Stati Uniti e la reciproca passione per le moto si trasformò in un’amicizia unica. Nel 1978, Swenson e Vitello collaborarono con Richard Novak e Jay Shuirman, fondando la Independent Truck Company, con i quali lavorano, nei primi anni, insieme presso la fonderia della Independent Truck Co a San Francisco in California.

Thrasher: il Magazine dello skateboard

Tre anni dopo, nel gennaio 1981, i due amici lanciarono Thrasher Skateboard Magazine, una pubblicazione che avrebbe dovuto essere un veicolo per promuovere la loro azienda di skate truck.

Thrasher nasce come rivista di skateboard alternativa, ed inizialmente è stata stampata da High Speed ​​Productions. Il famoso logo Thrasher utilizzava il carattere Banco disegnato da Roger Excoffon nel 1951.

Thasher Magazine

Il motto del brand – “Skate and Destroy” – espressione usata da skater e punk degli anni ’70, arriva successivamente sul magazine. Il primo editore di Thrasher è stato Kevin Thatcher.

Un rapido sguardo alle copertine della rivista Thrasher rivela l’evoluzione dello skateboard come manifestazione sportiva e socio-culturale della cultura di strada.

Ben Marcus, autore di The Skateboard – The Good, the Rad, and the Gnarly: An Illustrated History durante una intervista disse che “La primissima copertina di Thrasher era un’illustrazione di uno skater che eseguiva una tecnica in una piscina, ma le altre 11 copertine – del primo anno – raccontavano campioni del passato, cosa sarebbe successo nel futuro, ma soprattutto, cosa stava succedendo allo skateboard nelle “Tre P”: piscine, parchi e pipe. Il resto delle cover di Thrasher 1981 erano tutte incentrate sul vert e sugli eroi vert che stavano cominciando ad emergere. Il frontside slash di Chris Strople in una piscina, l’halfpipe bio frontside foot plant di Chris Miller, il fakie foot plant ollie di Allen Losi in una ciotola da skatepark, Duane Peters che esegue un recupero con spazzatrice agricola e molti altri.

Una delle caratteristiche più popolari di Thrasher è “Hall of Meat”, uno spazio fotografico riservato alle ferite di forte impatto e nauseanti inviate dai lettori.

L’era di Jake Phelps

Nel 1993, un nuovo uomo a capo della nave: James Kendall Phelps, una personalità che sarebbe diventata il volto e l’anima di Thrasher. Jake Phelps aveva incontrato Swenson e Vitello nel 1986 a Concrete Jungle. Il duo inizialmente lo invità a diventare uno scrittore collaboratore per la rivista ma, tre anni dopo, Phelps era già il responsabile delle spedizioni di Thrasher.

Dopo aver assunto la carica di redattore capo nel 1993, il controverso skater dall’attitudine punk fece crescere la rivista come mai prima d’ora. Jake Phelps amava lo skateboard. Era la sua vita e lo raccontava a modo suo. La sua pura attitudine allo skateboard si è tradotta negli anni in uno stile di vita alternativo e in una cartella clinica di 290 pagine che includeva sette interventi chirurgici al ginocchio e fratture a gambe, bacino, clavicole, pollici e cranio.

Jake non aveva nemmeno un computer sulla sua scrivania. Non aveva un indirizzo e-mail e la sua casella vocale non era mai stata impostata“, ha rivelato una volta un dipendente di Thrasher.

Jake Phelps: la passione per lo skateboard

Phelps ha guidato Thrasher per 27 anni.

È morto il 14 marzo 2019, nella sua casa di San Francisco, all’età di 56 anni. La causa della morte non è stata rivelata pubblicamente. Jake è stato cremato con il suo skateboard e il suo nome è stato disegnato in suo onore allo skatepark Potrero del Sol.

Swenson che Vitello non sono sopravvissuti all’iconico caporedattore di Thrasher : Fausto Vitello è morto di infarto mentre guidava la sua moto nel 2006, e suo figlio Tony ha rilevato la proprietà della rivista. Il 20 giugno 2011, Eric Swenson ha posto fine alla sua vita davanti a una stazione di polizia di San Francisco, all’età di 63 anni, sparandosi in uno spazio pubblico in modo che la sua famiglia potesse facilmente trovare il suo corpo.

Jake Phelps: ha dedicato 27 anni della sua vita alla rivista Thrasher | Foto: Creative Commons

Molto più di una rivista di skateboard

Dopo essere sopravvissuto ai primi anni di pubblicazione, era chiaro che Thrasher sarebbe diventato qualcosa più di una semplice rivista di skateboard. In effetti, negli anni, è diventato un marchio iconico, con diversi interessi commerciali. Nel 1999, la pubblicazione ha promosso “Thrasher Presents Skate and Destroy“, un videogioco per Playstation.

Thrasher presenta Skate and Destroy: il videogioco uscito nel 1999 per Playstation

Il titolo finì per competere direttamente con “Tony Hawk’s Pro Skater”. L’avventura di gioco di Thrasher aveva un gameplay più realistico, tavole spezzate, ossa rotte e persino arresti della polizia. L’obiettivo era ottenere uno sponsor e ottenere la copertina di Thrasher. Tuttavia, con recensioni contrastanti e un avversario da record, le vendite non aumentarono davvero e il gioco non ha prodotto un sequel come successo al diretto competitor.

Oggi, Thrasher è uno dei marchi di skateboard più famosi del pianeta e sfrutta la sua reputazione e credibilità per produrre diverse tipologie di prodotti. Il marchio vende t-shirt, passamontagna, felpe con cappuccio, berretti, cappelli, giacche, pantaloncini da ragazza, bandane, calze, borse, adesivi, colletti, portachiavi, occhiali da sole, spille e toppe, cinture, borse da skate, teli mare e altro ancora.

La rivista di skateboard più grande e influente di tutti i tempi gestisce anche il premio Skater Of The Year (SOTY) dal 1990: è il trofeo più prestigioso nella cultura dello skateboard. Dal 1983 al 1990, Thrasher ha pubblicato “Skate Rock“, una serie di compilation musicali con gruppi thrash e punk rock composti da skater.

King of the Road: la serie di contest di skateboard gestita da Thrasher

Nel 2003, Thrasher ha lanciato “King of the Road”, una serie di concorsi di skateboard tenuti negli Stati Uniti e in Cina (solo nel 2011) e progettati da Micheal Burnett. L’evento presenta gruppi di skateboarder invitati a cui viene fornito un elenco di sfide.

Ogni squadra ha due settimane per completare tutte le sfide, con punti assegnati in seguito per le loro prestazioni. Thrasher gestisce anche il suo skatepark privato al coperto, Double Rock, che si trova da qualche parte lungo la baia di San Francisco ed è aperto agli invitati solo per sessioni di riprese speciali.

66 6th St è un negozio-museo dove gli skateboarder e il pubblico in generale possono esplorare la storia dello skateboard e anche acquistare abbigliamento a marchio Thrasher.

The Skateboarder’s Bible” ha una sua piattaforma digitale disponibile su thrashermagazine.com

1 Trackback / Pingback

  1. Independent Truck, la storia dello skate brand diventato culto - WeAreSkate

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*